Una tegola cade sul (vecchio) Libro: accusa di falso in bilancio per il Salone

Sotto la gestione Picchioni il marchio sarebbe stato sovrastimato per eliminare il debito della Fondazione
Una tegola cade sul (vecchio) Libro: accusa di falso in bilancio per il Salone

Il successo del “nuovo” Salone del Libro di Torino, da poco concluso, non cancella i guai ereditati dalle passate gestioni, guai – almeno in parte – all’origine dell’operazione “Tempo di Libri” che ha duplicato la Fiera a Milano su iniziativa dell’associazione italiana editori. La Procura di Torino ha infatti notificato nove avvisi di garanzia ipotizzando […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.