“Una storia nera, come tutte quelle che vorrei conoscere”

“Mi affascina conoscere i piccoli mondi”
“Una storia nera, come tutte quelle che vorrei conoscere”

È un uomo ben vestito, un paio di occhiali dorati, una camicia e una giacca. Rasato di fresco, si vede che non è abituato a parlare ma lo fa, perché deve farlo, e piange. È Michele Misseri che si dichiara colpevole dell’omicidio di sua nipote, e questo è il processo che vede imputate sua moglie e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.