Una messa blindata per Provenzano, senza assoluzione

Una messa blindata per Provenzano, senza assoluzione

“Una preghiera e la possibilità del perdono non si negano a nessuno, specie nell’anno del Giubileo della misericordia”, aveva detto l’arcivescovo di Monreale Michele Pennisi, ma ieri mattina il prete dei frati minori rinnovati del convento di Corleone non ha espresso giudizi assolutori nell’ultima preghiera davanti all’urna che contiene le ceneri del capomafia Bernardo Provenzano, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.