Una civiltà fatta di bambini pensati come usa e getta

Caro Furio Colombo, avrai notato l’uso alternato dei bambini (simbolo e realtà) nel tempo in cui viviamo. Sono necessari (la famiglia tradizionale), da respingere (le famiglie gay), da salvare (o rimpiangere) individualmente se morti su una spiaggia, da rigettare in mare se arrivano in troppi. Non è strano? Ennio   Prima di tutto stupisce l’uso […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.