“Un movimento autonomo e di massa: restiamo in campo”

L’appello a non ripetere l’errore del 2011, quando il patrimonio politico dei “beni comuni” fu trascurato. E se lo prese Grillo
“Un movimento autonomo e di massa: restiamo in campo”

“Abbiamo straperso”. È il giudizio condivisibile di Matteo Renzi sulla vittoria del No al referendum, ma la condivisione finisce qui. Il 70% di votanti è una partecipazione d’altri tempi: ha smentito la previsione che un’alta affluenza avrebbe favorito il Sì e reso evidente che i cittadini votano quando pensano di contare nelle decisioni. Il No […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.