Un medico a Mosul: all’inferno e ritorno

Iraq - Fuggito dopo l’arrivo dell’Isis, Mohammad ora è alle porte della città con Intersos
Un medico a Mosul: all’inferno e ritorno

Mohammad è un giovane medico. Mentre camminiamo tra le tende del campo di Jeda’ah, nella piana polverosa di al Qayyara, dove il nostro team è impegnato a portare soccorso alle persone in fuga dai combattimenti, mi dice: “Un giorno tra questa gente potrei trovare la mia famiglia”. Per lui essere qui non è semplicemente un […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.