Un giorno con Alì il caporale: “Sono il loro angelo custode”

Il lavoro di un “reys” - ”Ogni sera mi organizzo con gli italiani che comandano per la manodopera del giorno dopo. So come funziona, ho fatto anch’io il bracciante”
Un giorno con Alì il caporale: “Sono il loro angelo custode”

Il telefono squilla alle 5.19. “Scusa il ritardo – dice Alì – ma oggi ci sono un po’ di casini. Ci vediamo sulla strada per Stornara tra un quarto d’ora”. Alì è un caporale. Un quarto d’ora dopo siamo fermi in una piazzola. Poco più in là, vicino l’ex casa colonica diroccata, c’è una decina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.