Un detective pallido che scrive sui taccuini (nella bassa padana)

Dopo due romanzi, Alberto Garlini si avventura nel giallo, ma soprattutto nelle nebbie dell’omicidio di un viveur attempato e molto ricco
Un detective pallido che scrive sui taccuini (nella bassa padana)

Il punto di partenza perfetto per scrivere un giallo classico, forse non esiste. Può essere un protagonista sui generis, un crimine efferato, uno stravagante movente. Oppure una location che pur conoscendo a menadito, continua a rivelarsi sorprendente per l’autore. Per il suo esordio nel mondo del giallo con Il fratello unico (Mondadori), lo scrittore Alberto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.