Un condominio, sei solitudini, tre incontri e un ascensore rotto

Il francese Samuel Benchetrit firma una pellicola volutamente surreale che smaschera i rapporti umani nelle loro battaglie quotidiane
Un condominio, sei solitudini, tre incontri e un ascensore rotto

Ci sono registi, la maggioranza, che nel bene e nel male affidano tutto allo schermo; ce ne sono altri, pochi, che senza nulla togliere al proprio film sanno anche parlarne. Samuel Benchetrit, francese, classe 1973, è uno di questi: “Se dovessi riassumere il film, direi che si tratta di storie di cadute. Come si può […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.