» Cronaca
giovedì 01/12/2016

Saronno, in ospedale un concorso ad hoc per il silenzio sul Dottor Morte

Il medico e l’infermiera - L’ospedale copriva gli omicidi in corsia: assunse una dottoressa “per non farle tirar fuori quelle storie”
Saronno, in ospedale un concorso ad hoc per il silenzio sul Dottor Morte

C’è un piccolo angelo di marmo in mezzo al giardino. Lo guarda una colomba della pace. Altra statua che decora la buca delle lettere. Tre piani di palazzina ben tenuta. Tutto è silenzioso. Il degrado, qui in via Lombardia a Lomazzo, non sta all’esterno, ma nascosto tra le pieghe dell’anima di questa distratta terra lombarda. Oltre un muretto, l’orto d’inverno è fatto di sterpi. Lo chiude un capannone abbandonato, forse quella porcilaia di cui parlava Laura Taroni, rammaricandosi che “non abbiamo manco più i maiali” a cui dare in pasto la prossima vittima. Laura e Leo, il dottor Cazzaniga. L’angelo della morte e lei, infermiera, amante, madre e presunta assassina di un ex marito brutale e con buona certezza anche della mamma di lei.

Rapporti familiari, complicati, violenti, incestuosi, dove il sesso subito e i giochi erotici incupiscono la scena, trascinando due bambini, figli di lei, in un delirio surreale. E poi quattro decessi in corsia all’ospedale di Saronno. Farmaci in dosi letali.

Annotati senza timori. A tutti visibili. Medici, infermieri, dirigenti. Che sanno, ma non denunciano nel tentativo di bloccare le notizie, di non farle uscire dalle mure sanitarie. La vicenda, scritta nelle oltre 600 pagine della richiesta d’arresto, riguarda la dottoressa Simona Sangion, indagata per aver messo la sua firma sotto le false analisi del sangue di Massimo Guerra, l’ex marito della Taroni, morto dopo una rapida terapia killer concordata da Laura e Leo. Sangion saprà di essere indagata nel maggio del 2015. Si confida con la madre: “Sì, io l’ho fatta quella cosa punto. È un falso in atto pubblico (…). Io verrò radiata dall’albo dei medici, ma io tiro dentro tutti (…) li distruggo!”. L’ordine è correre ai ripari. Nicola Scoppetta, primario del pronto soccorso, prova a tappare la falla. Come? Approntando un bando ad hoc per trasformare il contratto della Sangion a tempo indeterminato. Per Scoppetta la Procura di Busto Arsizio chiederà e non otterrà l’arresto ai domiciliari. Il medico resta indagato “per omissione di denuncia e favoreggiamento personale in relazione agli omicidi commessi da Cazzaniga”.

E con lui anche Roberto Cosentina, direttore sanitario dell’azienda ospedaliera di Busto Arsizio e Paolo Valentini, direttore medico a Saronno. Entrambi saranno coinvolti, ma non indagati, nella vicenda dell’assunzione riparatrice della Sangion che spiega alla madre. “È il mio capo che mi dice: non tirare fuori storie. Ma io prendo e gli taglio le carotidi”. Due giorni prima dell’interrogatorio arriva la promessa di assunzione a tempo indeterminato. Il bando viene messo su rapidamente. La Sangion ribadisce: “Se io il 24 settembre però non ho un lavoro, io faccio scoppiare un casino”. Il contratto arriverà. Ma è tutto il sistema ospedaliero che fa blocco. Dopo le segnalazioni di due infermiere, Cosentina nomina una commissione interna di cinque medici (indagati). Tra loro Scoppetta e Valentini. La commissione deve analizzare oltre ai casi noti, altri quattro decessi (otto in totale). Si concluderà “con omissioni e incompletezze” senza “approfondimenti ulteriori”.

In commissione c’è anche Maria Luisa Pennuto, responsabile della medicina legale che, intercettata, descriverà Cazzaniga come “quello che somministrava i farmaci in modo assurdo”. Concludendo: “Prenderò un avviso di garanzia”. Omertà, silenzio e odio. Quello che cova in via Lombardia. L’odio di Laura per il marito. “Ho ringraziato Dio quando è morto, bisogna difendersi da soli”.

Marito violento, raccontano le intercettazioni, amante della madre di Laura. “Alle volte – dice l’infermiera – ho preso un coltello, e gliel’ho puntato alla gola”. Il giorno del funerale di Massimo Guerra, l’infermiera, utilizzando la carta di credito del suocero, si darà allo shopping comprando due iPhone e un iPad. L’odio è sconfinato. L’impulso a uccidere anche: “Io ogni tanto ho voglia di… uccidere qualcuno…ne ho bisogno” . Con Cazzaniga, Laura progetta di ammazzare la sorella del suocero e anche suo nonno. Sempre con i farmaci: “L’’omicidio perfetto”. Di uccidere parla con il figlio Fabio, il più grande, che risponde: “Ti vado a prendere la katana”. “Tu – le dice Cazzaniga – li appenderesti come facevano gli unni! Appenderesti le teste sulle picche (…) testa mozzata davanti a casa. Smettila non puoi farlo”.

In Procura, ieri, i pm hanno finito di lavorare molto tardi. Sul tavolo altri tre decessi in ospedale e i dubbi, fondati, sulla morte di Maria Rita Clerici, la madre di Laura, e del suocero Luciano Guerra.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Napoli, Parco verde

L’orrore di Caivano: “La piccola Fortuna volò di sotto da viva”

Quando è stata lanciata nel vuoto dal palazzo del Parco Verde di Caivano nel quale viveva, Fortuna Loffredo era “viva e cosciente”. Lo ha detto il dottor Nicola Balzano, medico chirurgo nominato consulente tecnico dai pm della Procura di Napoli che hanno indagato sulla morte di Fortuna, la bimba di 6 anni uccisa il 24 giugno 2014 a Caivano. Balzano, ascoltato alla terza udienza del processo che si celebra davanti alla quinta sezione della Corte d’Assise di Napoli, ha confermato quanto contenuto nella relazione di consulenza autoptica, e cioè che la morte della bimba fu dovuta alle lesioni agli organi interni e alle fratture causate dall’impatto al suolo da un’altezza superiore ai 10 metri, e che la bimba cadde di schiena. Mentre il teste riferiva sulla dinamica della caduta e sulle lesioni notate sul corpo della bambina, la madre di Fortuna, Domenica Guardato, è uscita dall’aula travolta dal dolore. Presenti in aula i due imputati: Raimondo Caputo, accusato di omicidio e violenza sessuale, e Marianna Fabozzi, la sua compagna accusata di aver taciuto sulle violenze che Caputo avrebbe compiuto su Fortuna e sulle sue tre figlie.

Mondo

Un milione in coro per l’ultimo viaggio di Fidel

Politica

Il disastro sulla nave: “Così ho salvato il mio collega”

“Marra aveva un ruolo, altro che passacarte”
Cronaca
Roma

“Marra aveva un ruolo, altro che passacarte”

di
La libraia che sfida la sindaca: la battaglia a Lodi è donna
Cronaca
L’intervista

La libraia che sfida la sindaca: la battaglia a Lodi è donna

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×