Un anno senza Bonco: “Ancora ridiamo per tutti i suoi scherzi”

Barbara Boncompagni - “La sua eredità più grande resta la leggerezza, che non vuol dire superficialità. Ha cresciuto da solo me e le mie due sorelle”
Un anno senza Bonco: “Ancora ridiamo per tutti i suoi scherzi”

“Una mattina vedo mio figlio Brando, allora 13enne, più stanco del solito. Età? Studio? Pensieri? Fidanzate? Mi preoccupo, gli domando il perché di quello stato catatonico. Lui all’inizio non risponde. Insisto. Alla fine, a bassa voce, rivela: ‘Scusa mamma, è per il nonno: gioca tutta la notte alla Playstation e fa un casino assurdo, non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.