Un anno dopo il coltello Brexit lo ha in mano la Ue

Bruxelles - La May si è presentata indebolita davanti ai 27 che ostentano compattezza e tenterà di trattare separatamente con i membri dell’Unione
Un anno dopo il coltello Brexit lo ha in mano la Ue

“Brexit vuol dire Brexit”, disse Theresa May all’indomani del referendum che esattamente un anno fa, il 23 giugno 2016, rivelò la volontà della maggioranza dei britannici di voler lasciare, dopo quasi 45 anni di convivenza, la casa comune europea. Eppure, cosa esattamente voglia dire questa ambigua e complicatissima Brexit, lo si comincia a capire solo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.