Un altro schiaffo a Di Matteo: “Isolato chi combatte i boss”

Il Tar conferma la bocciatura, decisa dal Csm, del pm per andare alla Procura nazionale antimafia: “Il messaggio è chiaro: ostacolano chi cerca la verità su mandanti e moventi”
Un altro schiaffo a Di Matteo: “Isolato chi combatte i boss”

Il Tar del Lazio ribadisce la bocciatura del pm Nino Di Matteo confermando ciò che aveva già deciso il Csm, e cioè che il suo lavoro ultraventennale nel contrasto a Cosa Nostra in questo momento non serve alla Procura nazionale antimafia. E Di Matteo commenta duro: “L’avevo previsto – dice il pm della Trattativa mafia-Stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.