Un agente uccide e Gabrielli dà il taser a tutte le polizie

La pistola elettrica - Il Viminale accelera: l’arma non letale parte in sei città. I rischi per i malati di cuore, mortalità al 2 per mille
Un agente uccide e Gabrielli dà il taser a tutte le polizie

Il caso di un giovane ucciso da un poliziotto durante un Trattamento sanitario obbligatorio (Tso) a Genova ha indotto il capo della polizia, Franco Gabrielli, ad accelerare l’introduzione del Taser, la pistola elettrica. Si inizierà dalle sei città in cui da marzo si fanno esercitazioni: Brindisi, Caserta, Catania, Milano, Padova, Reggio Emilia. Consente di evitare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.