Umberto, Raffaella e “Terre Joniche”. Ritorno alla normalità dopo i roghi

A Isola Capo Rizzuto un incendio ha bruciato 8 ettari della cooperativa antimafia. E adesso si deve ricominciare
Umberto, Raffaella e “Terre Joniche”. Ritorno alla normalità dopo i roghi

In certi posti bisognerebbe andarci, prima di mettersi a sentenziare sugli “affari” che si fanno sui beni confiscati alle mafie. E, fermo restando che qualcuno ci ha lucrato per davvero, occorrerebbe venire a incontrare Umberto Ferrari, l’infaticabile animatore della cooperativa “Terre joniche” di Isola di Capo Rizzuto. Ascoltarne la storia, vederlo all’opera con i suoi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.