Ucciso dopo insulti razzisti. La perizia smentisce i testimoni

Ucciso dopo insulti razzisti. La perizia smentisce i testimoni

Nessuna traccia del dna di Emmanuel Chidi Nnamdi sul segnale stradale che, secondo i testimoni, il giovane nigeriano avrebbe usato per colpire l’ultrà Amedeo Mancini, prima che quest’ultimo lo uccidesse con un pugno. È questo il risultato della perizia, disposta dalla procura di Fermo, nell’ambito del processo per omicidio a carico di Mancini. Alcuni testimoni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.