Uccise la ex: condanna a 5 anni, l’ira dei parenti

Roma, nel 2014 una guardia giurata sparò davanti alla figlia: è libero La sorella: “Ha tolto tre sicure. E per premere il grilletto ci vuole forza”
Uccise la ex: condanna a 5 anni, l’ira dei parenti

Una tragica fatalità. È stato “un colpo partito per sbaglio e per negligenza”, quello esploso il 17 settembre 2014 dalla pistola dell’ex convivente Alessandro Popeo, guardia giurata, che ha ucciso con la pistola d’ordinanza la ventisettenne Natascia Meatta davanti alla loro figlia di due anni. Così ha deciso ieri la I Corte d’assise di Roma […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.