Tutti quelli che non vollero Gramsci libero

Il saggio - Il leader comunista poteva essere scarcerato, ma una parte del Pci si mise di traverso
Tutti quelli che non vollero Gramsci libero

Di sicuro c’è solo che è morto”. Così L’Europeo, il 16 luglio 1950, titolò il primo degli articoli memorabili che il grande inviato Tommaso Besozzi dedicò all’assassinio di Salvatore Giuliano. Parole, queste, che possono compendiare pure la morte di Antonio Gramsci, avvenuta il 27 aprile 1937, e soprattutto i diversi tentativi, tutti vani, che furono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.