Tutti pazzi per lo SWING

Dai ribelli neri ai beneducati. L’importante è solo ballare
Tutti pazzi per lo SWING

È nato come genere “negroide ed epilettoide”, è rinato come musica “interrazziale e transgenerazionale”; allora lo suonavano e lo ballavano i “ribelli” con destinazione campo di concentramento, ora lo suonano e lo ballano musicisti elitari e danzatori beneducati: la storia si ripete sempre due volte, la seconda come farsa, forse. Come tutte le mode che […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.