Tutti in fila per parlare con Al-Sisi

Sia la Clinton che Trump incontreranno il raìs egiziano
Tutti in fila per parlare con Al-Sisi

Se Parigi valeva ben una messa, la Casa Bianca può valere ben una stretta di mano con un uomo scomodo e ambiguo come il generale egiziano al-Sisi, divenuto presidente dopo avere rovesciato con un colpo di Stato il suo predecessore democraticamente eletto, Mohamed Morsi, e oggi saldo al potere a forza di repressione delle opposizioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.