Tutti contro il buddista. Ma resta l’ombra-Genovese

Tutti contro il buddista. Ma resta l’ombra-Genovese

Tutti divisi a Messina, ma tutti uniti contro Renato Accorinti. Il sindaco buddista, pacifista e No-Ponte, che fece il suo primo ingresso nell’austero Palazzo Zanca a piedi nudi. “Il simbolo di una politica onesta e umana”, dicono gli aficionados. “Un fallimento”, il rappresentante della più bieca “antipolitica”, un “cavernicolo giustizialista che al confronto i Cinque […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.