Tutte le strade portano a Roma, tranne a sinistra

La memoria svanita della Capitale comunista. Dal sindaco pioniere Giulio Carlo Argan al sacrificio di Luigi Petroselli, morto durante una riunione. Le notti di Nicolini e l’arte di Guttuso nel solco della lezione di Gramsci. Il declino con le foto a colori di Napolitano, D’Alema e Rutelli
Tutte le strade portano a Roma, tranne a sinistra

Sfogliando tristemente l’appassita margherita di “Fassina sì, Fassina no”, nel senso del povero Stefano, candidato fantasma della piccola Sinistra Italiana, Roma si ritrova senza più un riferimento, neanche un’edicola votiva, della Chiesa rossa di comunista tradizione. Dal compagno Luigi Longo, segretario generale del Pci qui ritratto insieme con Luigi Petroselli (foto 1), tra i sindaci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.