Turisti, un popolo di cattivi invasori

Avevate pensato che della povera gente, che a malapena traversa il mare su gommoni sgonfiabili fosse il pericolo, un’Italia strapiena di profughi che non ne può più. E invece avete trovato Venezia bloccata da una folla – detta “i turisti” – che avanza lentamente notte e giorno usando, rompendo, sporcando, munita di cibi propri (niente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.