“Tumore da telefonino”. Il conto lo paga l’Inail

Il giudice riconosce la malattia professionale a un ex dipendente Telecom
“Tumore da telefonino”. Il conto lo paga l’Inail

Ore e ore passate al cellulare per lavoro avrebbero provocato un tumore al cervello di un uomo che, dopo l’intervento, è diventato sordo da un orecchio. Riconoscendo questo legame tra telefonini e cancro, il Tribunale di Ivrea ha condannato l’Inail a riconoscergli una rendita vitalizia da malattia professionale. È la storia di Roberto Romeo, 57enne […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.