“Tu vuo’ fa’ l’amerikano” (senza eccezione alcuna)

La storia dell’endorsement dell’ambasciatore Phillips a favore del Sì comincia nel 1947 con il piano Marshall. Nella Seconda Repubblica anche postfascisti e postcomunisti si sono allineati a Washington e persino Grillo è andato a Villa Taverna (che non è la residenza dell’omonima senatrice)
“Tu vuo’ fa’ l’amerikano” (senza eccezione alcuna)

La paterna benedizione americana è una delle liturgie più solenni e preziose della politica nella patria di Machiavelli. Cinquant’anni di democrazia bloccata, dalla parte della Nato e dell’Occidente, non si dimenticano facilmente. E così anche nella Seconda Repubblicana gli emissari degli Stati Uniti sull’italico suolo hanno continuato a farsi gli affari nostri, riscuotendo il bacio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.