Troppi treni e poche gare nel piano trasporti M5S

I Cinque Stelle contestano la logica della Grandi Opere ma poi si concentrano soltanto sugli investimenti ferroviari dai benefici minimi
Troppi treni e poche gare nel piano trasporti M5S

Nell’articolato Programma per i Trasporti e la Mobilità (70 pagine) del M5S sembra mancare ogni dato economico e finanziario, nemmeno nella forma di un quadro di riferimento complessivo per il settore: questo fatto ne rende complessa l’interpretazione. L’obiettivo dominante è quello ambientale (quasi tutti i dati presentati a supporto si riferiscono a quella variabile). Ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.