» Politica
mercoledì 05/04/2017

Troppe polemiche politiche: il procuratore Greco non va all’evento in memoria di Casaleggio

Il procuratore di Milano dà forfait alla “Leopolda grillina”: l’evento è diventato di parte. Mentana: “Mi stupisco di chi si stupisce: non dovrei parlargli?”
Troppe polemiche politiche: il procuratore Greco non va all’evento in memoria di Casaleggio

Potremmo cominciare così: molto stupore per nulla. Da giorni infuria un inspiegabile dibattito a proposito del convegno che sabato prossimo si terrà a Ivrea “Sum #01 – Capire il futuro”, organizzato da Davide Casaleggio per ricordare il padre Gianroberto a un anno dalla scomparsa.

Lo stupor mundi riguarda la partecipazione al suddetto evento di alcuni ospiti tra cui – secondo il programma – Fabio Vaccarono (Ceo di Google Italia), Nicola Bedin (amministratore delegato dell’ospedale San Raffaele di Milano), Carlo Freccero, oggi membro del cda Rai, Domenico De Masi, David Corsini (Istituto Italiano di Tecnologia), la psicologa Maria Rita Parsi e Paolo Magri, direttore ISPI, il procuratore aggiunto di Messina, Sebastiano Ardita, i giornalisti Enrico Mentana, Gianluigi Nuzzi e il direttore del Fatto Marco Travaglio. Ma come, vanno a parlare con quei puzzoni dei 5 Stelle? Enrico Mentana, che ieri (martedì 4 aprile ndr) ha rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera, si meraviglia della meraviglia suscitata dalla notizia della sua partecipazione: “Sono stato anche alla scuola di formazione politica della Lega, sono andato a intervistare Matteo Renzi alle feste dell’Unità. Non capisco lo sprezzo antropologico per una parte del sistema politico. È ridicolo che una forza politica democratica venga considerata un nemico del popolo”.

Sul quotidiano di via Solferino, il direttore del Tg di La7 aveva anche detto: “Non capisco il pregiudizio negativo del ‘no, voi no’ verso una forza politica che raccoglie il 25 per cento dei voti. Li ho sempre rispettati, senza rinunciare alle mie idee. Criticare non è attaccare, non è dire sono tuo nemico. Sono vergine sia di servo encomio che di codardo oltraggio”. E poi aveva risposto a una domanda sulla presenza del magistrato Sebastiano Ardita: “Le sembra opportuno questo mix tra toghe e politica?”. Risposta: “È sempre successo. Il procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, non è forse andato al convegno Pd pochi giorni prima di Mafia Capitale? Non ci vedo nulla di strano. Quello che non va bene è fare politica e poi tornare in magistratura”.

Alla manifestazione era stato invitato anche un altro magistrato, il procuratore capo di Milano Francesco Greco, che però sembra intenzionato a non presenziare: l’evento, presentato come un convegno sul futuro, ha assunto a suo modo di vedere una connotazione eccessivamente politica e dunque Greco scriverà agli organizzatori per annunciare il forfait.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Conferenza dei servizi

Stadio della Roma, ancora un rinvio per l’autorizzazione

Il progetto è cambiato, servirà una seconda conferenza dei servizi per l’autorizzazione a costruire lo stadio dell’As Roma. Con i tempi per il via libera che si allungano di altri 4/5 mesi. Oggi la presidente dell’organismo dovrebbe comunicare la fine dei lavori con un nulla di fatto visti i pareri “non favorevoli” espressi da Comune, Regione Lazio e Città Metropolitana su diversi aspetti del progetto che a dicembre 2014 ha ottenuto il “pubblico interesse” dal Campidoglio. Senza dimenticare la procedura di vincolo archeologico che pende sull’ippodromo di Tor di Valle, al cui posto dovrebbe sorgere lo stadio. Poi la palla tornerà al Comune. La delibera di giunta che rivede il progetto come da accordo tra la sindaca Virginia Raggi e il club giallorosso – cubature dimezzate con la sostituzione delle tre torri del business park con 18 palazzine – prevede di rideterminare “entro 90 giorni” il pubblico interesse. Servirà poi una nuova delibera in aula per aprire, presumibilmente in estate, la nuova conferenza.

Politica

Ora il Comitato per il No raccoglie le firme: “No a premio di maggioranza e nominati”

Politica

Voti online e referendum, la democrazia della Raggi

“Rei” contro la povertà, un appello ai partiti
Politica
L’intervento

“Rei” contro la povertà, un appello ai partiti

di
A Roma sfilano in 30 mila. Renzi si risparmia i fischi
Politica
Nella capitale

A Roma sfilano in 30 mila. Renzi si risparmia i fischi

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×