Tria sull’Ue non è meno “eretico” di Savona

Vicini - Nessuna uscita dall’euro (per entrambi), ma proposte di riforma che non piaceranno a Merkel
Tria sull’Ue non è meno “eretico” di Savona

C’è una curiosa successione nell’ultimo numero (marzo 2018) della rivista della Fondazione Craxi, Le sfide: nella sezione “Italia-Europa” si susseguono gli interventi di Giovanni Tria e Paolo Savona, il neoministro dell’Economia e quello che avrebbe potuto esserlo senza il veto del Colle, oggi dirottato agli Affari Ue. Quella tra Tria e Savona è una staffetta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.