Treni, aerei e lusso: i conti in rosso dei grandi gruppi

Su 413 aziende sopra i 500 dipendenti che hanno presentato i bilanci 2015, ben 69 risultano in perdita
Treni, aerei e lusso: i conti in rosso dei grandi gruppi

L’industria italiana è la grande malata dell’Europa. Pil inchiodato allo zero nel secondo trimestre e una crescita che rispetto al 2015 e a tutto il quinquennio precedente, balla intorno a percentuali da zero virgola, sono i sintomi di una sindrome da cui l’imprenditoria del Bel Paese, o meglio quello che ne è rimasta, non riesce […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.