Tre siciliani in lizza, scontro al Csm su Firenze

Ribaltato l’accordo correntizio sull’ufficio più delicato per il “giglio magico”: torna in corsa Lo Forte
Tre siciliani in lizza, scontro al Csm su Firenze

Da quando Matteo Renzi è premier, Firenze sembra caput mundi. Tanto che il Csm non riesce a nominare, da mesi, il procuratore generale della città. Incarico delicatissimo che comprende la vigilanza e il potere di avocazione sulle Procure di Firenze, quella del capoluogo che ogni tanto si occupa di personaggi più o meno vicini al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.