“Tre anni nel mondo degli esorcismi”. Così Di Giacomo ha liberato il doc

Unica pellicola italiana a vincere qualcosa a Venezia, che dopo un ventennio torna a premiare una donna
“Tre anni nel mondo degli esorcismi”. Così Di Giacomo ha liberato il doc

Dipendenze, ossessioni, bisogni: “Padre, se io non urlo o mi dimeno lei non mi considera”, supplica il giovane indemoniato al sacerdote esorcista. Il trionfo a Venezia e le ovazioni da parte di critica e pubblico: “L’unico modo per il cinema documentario di uscire allo scoperto e farsi notare”, incalza la regista atterrata all’aeroporto palermitano. Uno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.