Traffico, dieta, siccità, marchette, asini e panda: il peggio dei tg estivi

Su Rai, Mediaset e Sky poche notizie e molta fantasia: anche il giornalismo è andato in vacanza
Traffico, dieta, siccità, marchette, asini e panda: il peggio dei tg estivi

I telegiornali estivi sono un genere letterario. Le notizie latitano: i palazzi chiudono e i protagonisti dei pastoni politici, per un breve ma intenso periodo, sospendono la quotidiana ricerca di un microfono a cui dichiarare. Per riempire le scalette – solidarietà ai colleghi – serve uno sforzo di fantasia superiore al solito. Non sorprende dunque […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.