Tradisco, bevo, mi annoio e ho preso schiaffi da Bene. Ma in teatro sono un altro

L’attore: “Mi chiamano maestro, mi sento ancora un precario. A 70 anni”
Tradisco, bevo, mi annoio e ho preso schiaffi da Bene. Ma in teatro sono un altro

Alessandro Haber non resta seduto volentieri. Parla e spesso cambia tono alla voce, le emozioni esplodono in ogni loro forma, quindi si alza di nuovo, recita una parte del suo spettacolo-vita, ne incrocia un’altra, pugno sul tavolo, imprecazioni, si risiede, ci ripensa, accende una sigaretta, sul cellulare arriva la foto di sua figlia e sogna. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.