Tra soap e snob, una dinastia che ha regnato sulla nazione

Per oltre mezzo secolo, la Costituzione materiale del nostro Paese ha avuto un imperativo rispettato da tutti: “Quel che è bene per la Fiat è bene per l’Italia”. Il potere e i salotti della Capitale erano la dependance ideale per la ricchezza degli Agnelli, dall’Avvocato al fratello Umberto e alla sorella Suni
Tra soap e snob, una dinastia che ha regnato sulla nazione

Dopo i Savoia e la fine della monarchia, gli Agnelli sono stati la casa regnante dell’Italia repubblicana. Di qui il noto articolo non scritto della nostra Costituzione materiale che recitava: “Quel che è bene per la Fiat è bene per l’Italia”. Altri tempi, ormai lontani. La famiglia torinese dell’auto è una dinastia che ha collezionato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.