Tra scandali e cause: Uber in Italia fa resistenza passiva

Nonostante le sentenze, il servizio è sempre attivo
Tra scandali e cause: Uber in Italia fa resistenza passiva

A guardarla dall’esterno, attraverso la narrazione mediatica, in questi giorni Uber (la società americana che ha ideato l’applicazione che permette di offrire un servizio di trasporto alternativo ai taxi tradizionali) sembra sul punto di sgretolarsi. Qualche settimana fa, l’addio del responsabile finanziario, Goutam Gupta (ufficialmente per una nuovo impegno manageriale) dopo l’annuncio di una perdita […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.