Tra libanesi e israeliani, in mezzo c’è “L’insulto”

Ziad Doueiri - Il regista ha perso tre fratelli che combattevano con l’Olp ma per il governo è un “traditore”
Tra libanesi e israeliani, in mezzo c’è “L’insulto”

Ci sono film che andrebbero girati due volte. Una per raccontare la storia voluta dal regista, un’altra per rendere conto di tutto ciò che è successo dopo. Il trascinante L’insulto, del libanese Ziad Doueiri è uno di questi film a due stadi che piomba come un missile nella polveriera mediorientale abbattendo vecchi schieramenti e dannosi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.