Tra le infinite cose, a finire è (quasi) sempre l’amore

Il romanzo. Divenuto subito un “caso editoriale” negli Usa, di un’allieva di Safran Foer: la storia di una famiglia sfasciata da un tradimento
Tra le infinite cose, a finire è (quasi) sempre l’amore

Cara Deborah, ho cominciato ad andare a letto con tuo marito a giugno dell’anno scorso. Siamo stati insieme sette mesi, praticamente da quando l’ho conosciuto. Lo facevamo nel mio appartamento. Oppure andavo io nel suo studio, spesso”. L’incubo di ogni donna innamorata e felice: ricevere una lettera così. Eppure per Deb, ex ballerina e moglie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.