Tra “indie” e fai-da-te, in Italia il videogioco vale un miliardo

Game-mania - Gioca la metà degli italiani e il mercato cresce: ma le aziende sono ancora piccole e mancano i decreti per gli sgravi. Intanto ci supera anche la Polonia
Tra “indie” e fai-da-te, in Italia il videogioco vale un miliardo

A Roma, il primo festival del videogioco non ha età. In un cubicolo c’è un ragazzo di vent’anni: occhi coperti da un visore per la realtà virtuale, cuffie sulle orecchie, fucile stilizzato in mano. Si muove a scatti in quella che potrebbe essere una stanza di casa sua. Spara in ogni direzione. Dalle immagini che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.