Tra i disperati del Po: “Senza luce a cercare vivi e morti”

Tra i disperati del Po: “Senza luce a cercare vivi e morti”

L’alluvione del Polesine, la più grande per estensione delle terre allagate avvenuta in Italia. Cominciò il 14 novembre 1951. La cronaca: alle 19.45 il Po tracimò nell’argine maestro a Vallone di Paviole, nel Comune di Canaro, alle 20 ruppe in località Bosco, Comune di Occhiobello, un quarto d’ora dopo la terza falla in località Malcantone. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.