Tra gli ostaggi fantozziani a bordo del “Frecciarotta”

Viaggio da incubo sotto la nevicata del secolo - Da Torino tento di raggiungere Carpi, dove ho il mio spettacolo. Cambio a Milano: ritardi e caos. Salto sul primo treno libero, ma è sbagliato: è un diretto per Roma e io vado a Bologna
Tra gli ostaggi fantozziani a bordo del “Frecciarotta”

Siccome la fortuna è cieca, o almeno bendata, ma la sfiga ci vede benissimo, quel giorno prendo il treno. É il 5 gennaio 2009 e la sera ho il mio spettacolo-monologo Promemoria a Carpi: mille biglietti venduti, teatro esaurito. Meglio mollare la macchina, penso: furbo io, così fotto la nevicata dell’anno, anche se tutti dicono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.