Tra gli amici della “Granda” dove era sempre il ferroviere

Fino al 2005 l’artista era stato un capostazione: “Scriveva canzoni anche al lavoro”
Tra gli amici della “Granda” dove era sempre il ferroviere

Nel loro gergo era un “di-ci-o”, dirigente centrale operativo. Se per i francesi era uno chansonnier, per i ferrovieri della Granda, la provincia di Cuneo, Gianmaria Testa era innanzitutto un capostazione. Aveva girato tanti scali negli Anni 80, entrato poco più che ventenne nelle Fs: Carmagnola, Cavallermaggiore (suo paese natale), Savigliano e altri ancora. Poi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.