Tra faide, morti e black-out. Tripoli sprofonda da sola

Senza speranza - Le milizie intensificano gli scontri mentre Roma temporeggia sulla rappresentanza diplomatica e scarseggia anche il petrolio
Tra faide, morti e black-out. Tripoli sprofonda da sola

La violenza è riesplosa a Tripoli dopo pochi giorni di tregua mediata dall’Unsmil, l’agenzia Onu per la missione in Libia. A sud di Tripoli gli scontri tra ieri e stamattina hanno causato almeno 15 morti, portando il bilancio dell’ultimo mese a oltre 111 vittime accertate, oltre a 25mila sfollati. La zona più calda è quella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.