Tra arresti e orgoglio. Il day after di Londra ferita

Dopo l’identificazione dell’assalitore, 8 arresti nella comunità islamica. Governo e città onorano le vittime
Tra arresti e orgoglio. Il day after di Londra ferita

L’hashtag #Londonisopen (Londra è aperta). #Wearenotafraid (Non abbiamo paura). Sui social media corre la riscossa. E ieri mattina Londra è ripartita, leccandosi le ferite, ma senza piangersi addosso. Con ieri sera la veglia di preghiera a Trafalgar square. Come sono ripartite le linee delle metropolitane, cariche di pendolari diretti agli uffici: business as usual. Che […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.