Torino, un buco di 11 milioni per il manager dem

Investimenti ad alto rischio e bonifici sospetti nella gestione di Gatti, cresciuto da Chiamparino
Torino, un buco di 11 milioni per il manager dem

Ci sono un investimento ad alto rischio da 45 milioni in una banca svizzera e tre bonifici sospetti per un totale di 6 milioni di euro. Tutte operazioni sospette fatte da Finpiemonte quando era presieduta da Fabrizio Gatti, manager pubblico cresciuto e coccolato dal centrosinistra di Torino e da Sergio Chiamparino, che ora si trova […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.