Tomasz, don Pippo e gli altri roghi

La banalità del male - Tra noia e ferocia si scatena la violenza sui più deboli, ancora una volta
Tomasz, don Pippo e gli altri roghi

Sulla cima del colle di Siracusa, che chiamano Balza Akradina, svetta una croce. Sarebbe bello immaginare che fosse stata dedicata – piuttosto che alla visita di papa Karol Wojtyla – alla morte di Tomasz, l’anonimo Tomasz, un giovanotto di un qualche recondito sobborgo polacco. Tomasz era un barbone, morì bruciato. Raccontavano di questa fetida maglia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.