Tocca a Renzi, Franceschini affila i coltelli (e le ambizioni)

Il “Galleggiatore” - Dai Popolari a D’Alema, dalla pugnalata a Letta alla battaglia sull’Italicum: il politico che resiste a tutto. Il ministro, che sta sempre in “maggioranza”, e il piano per salvare se stesso e i suoi amici
Tocca a Renzi, Franceschini affila i coltelli (e le ambizioni)

Il terzo romanzo di Dario Franceschini, ministro e scrittore o viceversa, s’intitola Daccapo (Bompiani, 2011) e ha in esèrgo una citazione di Fabrizio De André: “Continuerai a farti scegliere o finalmente sceglierai”. Ecco, tra letteratura e cantautori, il destino politico di Franceschini è sempre quello di scegliere o farsi scegliere e ricominciare daccapo. I suoi detrattori, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.