Terzo uomo, pasticcio belga

Rilasciato dalla Procura, anche se indagato, il freelance Faiçal Cheffou: non è lui quello con il cappello nero del commando jihadista che ha preso d’assalto l’aeroporto

Certe volte la finzione esaspera la realtà, ma poi mica tanto. Un commando di terroristi rapisce il primo ministro belga. Minacciano di ucciderlo, lo rilasceranno solo in cambio della vita della presidentessa americana, atterrata con il suo AirOne all’aeroporto militare di Melsbroek. Il primo ciak del nuovo film fantapolitico di Erik Van Looy intitolato De […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.