Terrorismo, perché non riusciremo mai a “fermarli prima”

Il copione è sempre lo stesso: Youssef Zaghba, uno degli attentatori di Londra, era noto alle autorità italiane e poi inglesi, cui erano state trasmesse le informazioni disponibili. Quali erano gli elementi che lo rendevano un sospetto terrorista? Aveva un biglietto aereo per Istanbul e niente bagaglio; e poi – ovviamente – si chiamava come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.