Temple of the Dog, 25 anni dopo di nuovo insieme

Sono i momenti irripetibili quelli a cui si dà più valore: l’unicità è l’elemento che rappresenta il surplus del ricordo. È per questo che un disco come Temple of the Dog, il primo e unico mai inciso dalla omonima band che vede tra le sue file elementi dei Soundgarden e futuri membri dei Pearl Jam, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.