Telegram, piattaforma del jihadismo “social”

Terrorismo liquido - Una raffica di immagini e slogan pro Califfo sull’app che cripta i messaggi
Telegram, piattaforma del jihadismo “social”

Tre del mattino. Su Telegram, un’applicazione di messaggistica istantanea, qualcuno fonda un nuovo canale tematico. Si chiama Pray for Nice, “Preghiamo per Nizza”. La prima immagine postata dall’anonimo fondatore, però, è il fotomontaggio di un’esplosione ai piedi della Tour Eiffel. Dopo pochi minuti, un’altra immagine: una chiazza di sangue, sullo sfondo i morti di Nizza. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.